Aziende e Social Network, rapporto complicato?

Aziende e Social Network, rapporto complicato?

C’è una cosa che non smetteremo mai di ripetere (anche perché constatiamo tutt’oggi che c’è chi commette ancora questo errore!); chi ha letto i nostri precedenti articoli ormai già lo saprà, ma a chi ci sta leggendo per la prima volta non possiamo non ricordare che l’approccio da intraprendere, prima di impostare una qualsiasi strategia di comunicazione, sia sempre e comunque quello dell’analisi: dello scenario dei competitor, del mercato in cui opera il brand e degli utenti a cui ci si vuole rivolgere. L’esperienza e la nostra professionalità si basano su questo punto di partenza per ogni strategia, pianificazione o organizzazione, aziendale o di eventi.

Ricordato questo nostro evergreen, possiamo ora dire che i social rappresentano per le aziende un ottimo canale per dare luogo ad una strategia di comunicazione efficace con lo scopo di creare, quello che è diventato la vera fonte di profitto per le aziende, ovvero, un rapporto duraturo nel tempo con i consumatori basato su reciproca fiducia e un alto livello di emotività coinvolta per entrambe le parti. È stato stimato che il numero dei contenuti condivisi tra gli utenti cresce a livelli esponenziali e la durata del tempo trascorso sui social network diventa sempre più consistente. Solo considerando questi aspetti si comincia a capire il ruolo che questi possono rivestire in una strategia di comunicazione mirata ad un target di clienti ben preciso, con lo scopo di realizzare benefici di lungo periodo, come:

  • Visibilità al brand;
  • Interazioni con gli utenti/clienti;
  • Diffusione della filosofia, la vision, il modo di lavorare di un’azienda;
  • Raccolta di opinioni dei consumatori, quindi possibilità di trovare spunti di miglioramento e di crescita.
  • Se aprirsi un profilo su un qualsiasi social network può rivelarsi semplice, gestirlo con l’obiettivo di ottenere precisi risultati lo è un po’ meno. Fondamentale risulta la rappresentazione coerente tra i valori aziendali e i profili social creati. Volendo elencare una linea guida delle caratteristiche che i post o i video, dei profili social aziendali, devono avere, possiamo dire:
  • Utilità, i contenuti non devono essere scontati o banali, ma devono fornire delle informazioni ben specifiche;
  • Unicità, ogni azienda ha i propri valori e le proprie caratteristiche, ed è proprio per questo che i consumatori la scelgono, risultare incoerenti significa perdere clienti;
  • Personali, i contenuti devono essere diretti al target di riferimento;
  • Gratuità, le informazioni divulgate non devono divenire fonte di ricatto per i clienti obbligandoli a compiere determinate azioni con un doppio fine;
  • Condivisibilità, i post devono rappresentare l’azienda ma devono anche stimolarne la condivisione sul diario dei followers, in modo da creare una rete di sponsorizzazione naturale dell’azienda.

 

Vi siete mai chiesti quanti e quali social usare? Siamo certi che alcuni di voi stiano pensando: tutti ovvio!!! Beh, non è proprio così. In ambito della comunicazione c’è una frase molto nota di Renee Blodgett: “Io sono per le conversazioni, ma devi avere un messaggio da comunicare”. Per avere buoni risultati è meglio fare un passo alla volta, gestire i social quotidianamente e con buoni contenuti non è sempre facile. Non tutti i social si adattano a tutte le aziende, tra quelli più usati in Italia, ci sono quelli un po’ più femminili, vedi Pinterest, quelli dove una buona immagine vale più di mille parole, Instagram, quelli in cui un minuto fa sembra già un’altra era, Twitter, e quello che è il re dei social Facebook, dove vige l’errata credenza che vada bene qualsiasi informazione, tono narrativo e forma di comunicazione!

Facendo una rapida ricerca su internet troverete orari, minuti, secondi, giorni della settimana e, addirittura, i mesi in cui aumentare le interazioni con i followers, quanto postare ogni giorno e tanto altro ancora, ma dopo un po’ di esperienza alle nostre spalle possiamo dire che tutto questo dipende! Da cosa? Target, prodotto venduto, servizio offerto, località,….postate video? Frasi? Articoli?….

Dopo questo articolo ti senti confuso? Non preoccuparti, il nostro consiglio è, principalmente, quello di adattare la strategia di comunicazione ai valori della tua azienda e di rispettare il tuo target.

Se hai altre curiosità contattaci!

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento